JavaScript risulta disabilitato!! Il sito non funziona se non lo riabilitate!!
Header
Header

Poesie di Gino Peroni:


Libri

Pubblichiamo in queste pagine alcune poesie di Gino Peroni che ha amato il proprio paese e Montepiatto in particolare. In particolar modo le poesie qui riprodotte sia nella versione scritta che in quella recitata, sono in dialetto tornasco (variante del milanese) e trattano di Montepiatto; sotto a ciascuna di esse è riportata anche la traduzione in lingua italiana.

Per ascoltare la recitazione delle poesie attivare il player cliccando sul tasto di avanzamento.
Per connessioni lente l'attesa del download del file audio può durare alcuni secondi.


Pietra Pendula

MUNT PIATT

(poesia in dialetto tornasco)

Munt Piatt
siit incantaa
pocch cà
sparpajà
‘ me ‘na brencada
de benis
büttalà
cunt’ un suriis
da ‘na bella spusa.
Festa paesana
festa de fioeu
una dumeniga
pulenta e lüganiga
e vin brülè.
Prezià ul pees
d’ un salamm
tir a la fune
cun cord
de campann.
Puntass
per tegniss
e quell denanz
che ‘l scurengia
pel sforz
e speremm
dumà quell.
Me scappa de rid
e moli
an’ mì
la corda
già in tir.
La Preja Pendula

apuus
da ‘n gran pezz
asquas
la suriid.
Gino Peroni

Traduzione:

Montepiatto -posto incantato –poche case –sparpagliate –come un mucchietto –di confetti –buttati là –con un sorriso –da una bella sposa. –Festa paesana –festa di bambini –Una domenica –polenta e luganiga –e vin brulè. –Stimato il peso –d’un salame –tiro alla fune –con corde –di campane. –Puntarsi –per tenersi –e quello davanti –che scorengia –per lo sforzo –e speriamo –solo quello. –Mi scappa da ridere –mollo -anch’io la corda –già in tiro. –La Pietra Pendula –lì –appresso –da un pezzo -quasi –sorride.
Cappelletta

CAPPELLETTA DE CARANÌS

(poesia in dialetto tornasco)

Se regordi quan s’eri ammò fioeu
culzun cürt, cavej lüster, pecenà indree
de ‘na cappelletta sempre infiurada
dai donn, che al termin d’una giurnada
pasada a lavurà sü per i munt
vegniven de sira, fazulett in frunt
cul gèrlu pien e tri o quatter fiur
dimustrand a la Madonna tütt l’amur.
L’era la cappelletta de Caranìs
e ve cunfèssi, mò che i cavej inn gris,
de vèla mai vedüta trasandada
là, ‘me ‘na cavagna rotta, abbandunada.
Lì, i strad de Munt Piatt, faven crusera,
cui so tri basej de sass, e la sira,
quan la gent la se fermava a ripusà,
un segn de crus, e la Madonna salüdà.
Missa lì al volt, senza piant inturnu
la duminava tütt i cà de Turnu,
metüda in quela pusiziun dai vecc,
perché la pruteggess tütti i so tecc.
Mò, ul rispett l’è ‘ndà fass benedì
pora cappelletta de Carnìs, ti,
te gh’ee de vegh pazienza, forse un dì,
quei d’ün, regurdarà ammò de tì.
Gino Peroni

Traduzione:

Mi ricordo quando ero ancora bambino –calzoni corti, capelli lucidi, pettinati all’indietro –di una cappelletta sempre adornata di fiori –dalle donne, che al termine di una giornata –passata a lavorare su per i monti –venivano alla sera, col fazzoletto sulla fronte –con la gerla piena e tre o quattro fiori –dimostrando alla Madonna tutto l’amore. –Era la cappelletta di Caranìs –e vi confesso, adesso che ho i capelli grigi, –di non averla mai vista trascurata –là, come una cesta rotta, abbandonata. –Lì, le strade di Montepiatto, facevano croce, con i suoi tre basamenti di sasso, e la sera, -quando la gente si fermava a riposare, -un segno di croce per salutare la Madonna. –Messa lì in alto, senza piante intorno –dominava tutte le case di Torno, - messa in quella posizione dai vecchi, -affinché in quel luogo proteggesse tutti i suoi tetti. –Adesso il rispetto è andato a farsi benedire- povera cappelletta di Caranìs, tu, -devi aver pazienza, -forse un giorno, -qualche d’uno si ricorderà ancora di te.