JavaScript risulta disabilitato!! Il sito non funziona se non lo riabilitate!!
Header
Header

Poesie di Paolo Elia Sala:


Libri

Pubblichiamo in queste pagine alcune poesie di Paolo Elia Sala che ha amato il proprio paese e Montepiatto in particolare. In particolar modo le poesie qui riprodotte sia nella versione scritta che in quella recitata, sono in dialetto tornasco (variante del milanese) e trattano di Montepiatto; sotto a ciascuna di esse è riportata anche la traduzione in lingua italiana.

Per ascoltare la recitazione delle poesie attivare il player cliccando sul tasto di avanzamento.
Per connessioni lente l'attesa del download del file audio può durare alcuni secondi.


Chiesa

LA GESA DE MUNTPIATT

(poesia in dialetto tornasco)
Pròpi in scìma a ‘na scalèta
che rampéga sü' sü’ in àalt
gh’è ‘na Gésa che me spèta
e 'n del céel la fà risàalt.

Urmai l’uura l’è deserta
E l’è ‘l bùn del gran calur;
dumà scàpa una lüserta
sura ai sass scottaa del suu.

‘Rent a i müür a scundiröla
düü parpàj che fann l’amuur
paar che giüghen la caröla
vestii sü’ de bèj culuur.

Forzi l’è st’ària de festa
che me invìda e fà prupéens
a pussà in la Gésa fresca,
prufümada cun l’incéens.

O Signuur, che de la paas
te sée ul rè dispensaduur,
varda un poo i mè tristi caas,
tìrum fö’ di mè duluur.

Ché se pöö nu gh’è mutiiv
de tömm giù de la mia cruus,
almén rèstum bùn amiis,
sculta sempre la mia vuus.
Paolo Elia Sala
Traduzione:

Proprio in cima ad una scaletta, -che arrampica su su in alto, -c’è una chiesa che mi aspetta –e nel cielo fa risalto. –Ormai l’ora è deserta –nel bel mezzo della gran calura: -solo scappa una lucertola -sopra i sassi scottati dal sole. -Dietro ai muri, a nascondino, -due farfalle che fanno l’amore, -pare che giochino alla danza, - vestite con dei bei colori. –Forse è questa aria di festa –che mi invita a fare propositi –a riposare nella Chiesa fresca, -profumata con l’incenso. –Oh Signore, che di questa pace sei il re dispensatore, -guarda un po’ i miei tristi casi, -tirami fuori dai miei dolori. –Che se poi non c’è motivo –di scaricarmi dalla mia croce –almeno restiamo buoni amici, -ascolta sempre la mia voce.
Baita

CIÀU MUNTPIATT!

(poesia in dialetto tornasco)
Hoo saraa-sü’ la cà (*)
e inséma la speranza
ch’éri verdüü a sò téemp
quand che cresséva ul suu.

E tütt i ann l’è inscì.
Finìda la stagiùn,
te cunségni, Munpiatt,
a l’ann che vegnarà.

Dorma tranquill st’invernu
sutt a la néev a al gèll …
In de la stanza müta
se sentirann dumà
 
quii tò rümuur sutii
e quell scricà impruviis
che nass senza un mutiiv
dai müür, dal lègn, dal fèer,

da l’ànima che viiv
anca in de tì, dedent.
Mì saroo fö’ a cumbatt
cul téemp che me mastìna.

Spètum quiètt, Muntpiatt!
Vegnaroo an’mò a scultà
sti vuus bèn cunussüü,
se vengi la furtüna

de vegnì an’mò a truatt.
Ma se duvess mancà,
an’mì deventaroo
vün de quii scricch legèer,

discrèta cumpagnìa,
bisbìli misteriuus
de gent già naa suttvìa,
che dopu ul sanmichée

tòrnen cun nustalgìa
a quel che hann lassaa indrée
e fann sentì i so vuus.
* La casetta di Montepiatto
Paolo Elia Sala
Traduzione:

Ho chiuso la casa –e insieme la speranza -che avevo aperto a suo tempo –quando cresceva il sole. –E tutti gli anni è così. –Finita la stagione, -ti consegno, Montepiatto, all’anno che verrà. –Dormi tranquillo quest’inverno –sotto la neve e al gelo … -Nella stanza muta –si sentiranno solo –quei tuoi rumori sottili –e quello scricchiolio improvviso –che nasce senza un motivo –dai muri, dal legno, dal ferro, -dall’anima che vive -anche in te, di dentro. –Io sarò fuori a combattere –col tempo che mi macina (logora). –Aspettami quieto, Montepiatto! –Verrò ancora ad ascoltare –queste voci ben conosciute, -se vinco la fortuna –di venire ancora a trovarti. –Ma se dovessi mancare, -anch’io diventerò –uno di quei scricchiolii leggeri, -discreta compagnia, -bisbiglìi misteriosi –di gente già andata discretamente, -che dopo l'incontro con San Michele Arcangelo –tornano con nostalgia –a quello che hanno lasciato indietro –e fanno sentire le loro voci.